martedì 18 maggio 2010

Lavorare in Inghilterra

Provare a spiegare come registrarsi in UK per diventare farmacista non e’ cosa da poco.
Si possono trovare comunque tutte le informazioni necessarie sul siti della Royal Pharmaceutical Society of Great Britain, ovviamente in inglese. La lingua infatti e’ comunque requisito fondamentale per poter esercitare la professione. Viene comunque richiesto un certificato o un test, che puo’ essere fatto a spese dell’azienda interessata al farmacista d’oltremare ( Lloyds – Boots – Coop, ma ora anche catene di supermercati: Tesco – Asda – Morrison, solo per fare alcuni nomi. ).
Lo scoglio piu’ grande da superare lo trova chi ha studiato in Italia e decide si andare in Inghilterra senza avere alcuna esperienza nel proprio paese in quanto non puo’ avvalere della lettera di Good Standing, o cioe’ la conferma, da parte dell’associazione dei farmacisti del proprio paese, della possibilita’ di lavorare all’estero in quanto non ci sono azioni penali in corso verso il farmacista richiedente.
Ma procediamo per ordine. Il sito a cui mi riferivo pocanzi e’ :
www.rpsgb.org.uk e il riferimento per la registrazione e la sessione per gli “overseas”: http://www.rpsgb.org/registrationandsupport/registration/registrationfromothercountries.html.
Specifico gia che sono molto meticolosi dunque richiedono TUTTI i documenti. Inoltre , per quanto riguarda la mia esperienza non sempre sono disponibili e gentili. Ho trovato molto difficile ricevere spiegazioni riguardo le varie documentazioni.
I punti fondamentali comunque sono i seguenti:

1 Un questionario da compilare che si trova nel loro sito.

2 Una copia certificata della propria carta d’identita’.

3 Un certificato di salute per il lavoro ( il modulo e’ sempre nel loro sito e deve essere firmato dal proprio dottore.

4 Copia del certificato di nascita.

5 Copia della propria laurea e della possibilita’ di esercitare la professione.

6 Fototessera certificata

7 Tassa di 100 sterline

Ora, alcuni punti richiedono delle spiegazioni.
Tutte le copie dei certificati e tutti i certificati devono essere in inglese: Laurea, abilitazione , certificazione carta d’identita’, copia del certificato di nascita. Come tradurli? Io ho trovato un grosso problema nella traduzione. In Italia per fare cio’ e’ sufficiente far tradurre il documento da una persona che conosca la lingua ( per esempio un professore d’inglese) e poi il traduttore deve andare in Tribunale e chiedere di certificare il lavoro. Il problema assurdo e’ che in questo modo ci si trova un fascicolo con l’originale italiano, la copia inglese e la certificazione del tribunale.. IN ITALIANO! In questo modo una volta spediti i documenti a Londra non riconoscono la certificazione italiana, dunque non sono validi. La miglio cosa da fare a mio avviso e ottenere tutti i documenti in italiano, contattare un’agenzia qualificata per traduzioni ed affidarsi a loro. La spesa e’ di un centinaio di euro.. ma e’ la soluzione adatta.

La copia della carta d’identita deve essere certificata da un notaio, ma sia bne chiaro che deve essere fatta in inglese!

La certificazione della fototessera invece puo’ essere fatta dal farmacista da cui si e’svolto il tirocinio ed e’ semplicemente una firma. Piuttosto semplice.
Leggendo il plico per la registrazione ottenuto dal sito della RPSGB ci sono altri documenti da ottenere che possono essere di difficile comprensione.

Compliance with the Directives. Questo certificato lo si ottiene tramite il Ministero della Salute, che per la mia esperienza si e’ rivelato molto efficientee disponibile. Si deve far riferimento all’allegato G1 e spedire al Ministero la copia della laurea, del tirocinio, dell’esame di stato e una marca da bollo di 15 euro circa.


Infine la lettera di Good Standing per chi ha lavorato gia’ in Italia e’ semplice da ottenere all’ordne dei farmacisti a cui si e’ inscritti. Il problema nasce per chi non ha mai lavorato. Esistono 2 possibilita’:

La prima e’ quella assurda di inscriversi in Italia all’ordine per poi chiedere il Good Standing, con una spesa notevole.

La seconda e’ richiedere una lettera “tipo” Good Standing dall’ordine dei farmacisti la quale dichiari che se il richiedente volesse inscriversi all’ordine, non conoscono motivo di rifiutare. Ovviamente questa lettera e’ praticamente gratis. Per quanto riguarda il mio caso, purtroppo devo dire che l’ordine di Vicenza si e’ dimostrato inefficiente in questo servizio, mentre L’Ordine di Padova non solo mi ha messo al corrente di questa possibilita’ ma mi ha addirittura dato una certa urgenza perche’ al corrente della mia scadenza di termini. Infatti i documenti che si presenteranno a Londra non devono essere piu’ vecchi di tre mesi. L’ordine dei farmacisti di Padova e’ stato decisamente professionale sia dal punto di vista burocratico che , molto importante, umano.

Quanto scritto e’ in via indicativa quanto richiesto per inscriversi a Londra, il che puo’ apparire complicato e dispendioso ma se ci si riflette un po’.. Lavorare in Inghilterra vuol dire:
Percepire uno stipendio di circa 1200 sterline come pre-registration trainer ( i circa tre mesi di training prima di avere l’abilitazione, dove si affianca un farmacista e si aquisosce esperienza);
poter guadagnare circa 2000 sterline come farmacista (cioe’ gia dal terzo mese);
Poter diventar direttore di Farmacia;
Con un po’ di esperienza ed applicazione lavorare in ospedale;
Apprendere conoscenze cliniche che difficilmente in Italia si hanno per la concezione di farmacia come ambiente sanitario indipendente piuttosto che in stretta collaborazione con gli ambulatori e gli ospedali.

7 commenti:

  1. Grazie per aver pubblicato la tua esperienza, che è molto simile alla mia, e forse a quella di tanti altri farmacisti italiani.
    Io sono in corso di registrazione con la GPhC e per ora sto aspettando il certificato di conformità dal Ministero. Proprio per questo vorrei chiederti- quanti tempo ci vuole per aver questo certifcato? Almeno nel tuo caso, quanto tempo e passato da quando hai fatto la domanda fino quando è arrivata da GPhC?
    Io al posto del Good Standing ho mandato il casellario giudiziale e sembra che è bastato..
    Grazie anticipatamente per la tua eventuale risposta!

    RispondiElimina
  2. anche io ho fatto domanda al Ministero della Salute ed è da Novembre che stò aspettando!

    RispondiElimina
  3. Io ho fatto domanda a inizio ottobre 2012. Li ho chiamati a metà novembre e mi hanno detto che i documenti inviati andavano bene e che per metà dicembre avrebbero spedito all'Ordine Inglese i Certificati. Oggi, 10 gennaio 2013 li ho chiamati e mi hanno detto che manca l'autocertificazione di avvenuto tirocinio. Io ho controllato la copia della mia autocertificazione che gli ho inviato e del tirocinio avevo scritto di averlo fatto per sei mesi, di 400h (l'ho fatto nel 2009). Domani chiamo per confermarlo, ma ho sentito dire che il tirocinio ora è di 800ore circa. Non è che mi fanno storie? Voi quante ore di tirocinio avete fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io nell'aurutocertificazione avevo scritto 750 ore di tirocino, perche devi considerare anche i seminari. ma come sei riuscita a contattarli? per telefono? io ci provo da settimane e non risponde mai nessuno!

      Elimina
  4. Ma si riesce ancora a trovare lavoro in UK? Per un farmacista italiano con un inglese livello b1 è possibile?

    RispondiElimina
  5. Ciao Daniele, mi piacerebbe fare meta' tirocinio a Londra, tu hai per caso informazioni su chi debba contattare a riguardo? Grazie mille, Greta

    RispondiElimina
  6. Ciao Daniele, è da un po' di tempo che mi imbatto nel tuo blog per ottenere quanta più chiarezza riguardo alla figura e al lavoro del farmacista a londra! Io sono qui a londra da un po' e ora ho deciso di iscrivermi alla GPhC per lavorare come farmacista. Ho quasi tutti i documenti pronti, ma ho un solo problema: ottenere il certificato del Good standing! Non sono iscritto a nessun ordine in italia, quindi mi risulta difficile pensare di ottenerlo, nè avrei intenZione di tornare 'al volo' per iscrivermi. Ma leggo anche che tu sei riuscito a ottenerlo senza iscriverti all'ordine italiano. Pensi che sia ancora fattibile come cosa? Pensi che la GPhC possa ancora accettarlo questo 'tipo' di good standing letter?
    Grazie mille in anticipo per il tuo ascolto (e per questo blog fantastico)

    Davide

    RispondiElimina